Navigazione – Mappa del sito
Produrre conoscenza sociologica: teorie, metodi e modelli

Il mancato sviluppo di una teoria dell’attore nella sociologia italiana (1985)

Luciano Gallino
p. 209-219

Testo integrale

11. Per teoria dell’attore intendo una teoria capace di spiegare e di prevedere i modi specifici in cui un individuo, partecipe d’uno o più sistemi sociali, ha agito od agirà in situazioni differenti, in presenza di differenti parametri iniziali della sua condizione, includendo, tra questi ultimi, stati interni quali emozioni, bisogni, scopi, valori, schemi interpretativi, processi di ragionamento. Una teoria del genere parrebbe dover essere un elemento costitutivo d’ogni teoria sociologica, in specie di quella che molti considerano pur sempre la teoria che meglio caratterizza la nostra disciplina, ovvero la teoria dei sistemi sociali. Priva d’una teoria dell’attore, la teoria del sistema sociale si trasforma implicitamente in una sorta di behaviorismo acritico. Le situazioni, i dati socioanagrafici, le affiliazioni di classe di partito o di cultura si configurano come inputs in una scatola nera, il cui contenuto ignoto rappresenta appunto l’attore mancante, e dalla quale fuoriescono a titolo di outputs scioperi e voti, migrazioni e comportamenti devianti, pratiche religiose e ideologie.

2In tal modo, anziché modellizzato consapevolmente come titolare dell’iniziativa di agire, l’attore viene inferito a posteriori tramite l’analisi statistica dei risultati delle sue azioni e razionalizzazioni. In assenza d’un modello di soggetto agente cui riferirsi, l’analisi risulta orbata di incidenza critica in due direzioni: verso il modello, che in quanto assente non può venire modificato, rettificato, fatto evolvere ponendolo a fronte degli esiti delle predizioni e postdizioni in base ad esso formulate; e verso se stessa, poiché qualsiasi predicato, desunto dai suoi calcoli, appare plausibile quando il soggetto sia, com’è, totalmente indeterminato. Non è questa l’ultima ragione della scarsa cumulabilità delle ricerche sociologiche, che si avverte nella sociologia italiana forse più che in ogni altra sociologia nazionale.

3Una teoria dell’attore possiede una precisa rilevanza anche sul piano epistemologico. Uno dei maggiori esiti dell’epistemologia del Novecento è consistito nel porre in luce le interrelazioni che sussistono tra osservatore ed oggetto osservato. In base a tali esiti si conviene che non solo le osservazioni dipendono dal sistema di coordinate dell’osservatore, ma la descrizione dell’oggetto osservato, sia esso un atomo, l’universo o qualsiasi oggetto intermedio, riveste un senso solamente se è collegata in modo esplicito ad una descrizione dell’osservatore. Nell’analisi sociologica il problema si raddoppia. A fronte dei sistemi socioculturali in cui è inserito, il soggetto agente si pone come un osservatore, il quale dovrebbe dunque venire descritto al solo scopo di poter comprendere i sistemi che osserva. Tale descrizione non può avere altra forma che una teoria dell’attore, un elemento portante della quale sono le rappresentazioni nella mente dell’attore dei sistemi sociali di cui fa parte o ai quali si riferisce.

4D’altra parte, a fronte del soggetto agente è il sociologo che si pone come osservatore. Al fine di conferire un senso stabile alle proprie operazioni osservative, egli dovrebbe descrivere compiutamente se stesso, ma per farlo necessita di una teoria della costituzione dell’oggetto che specificamente osserva; oppure può affermare, sebbene con qualche rischio, di essere un osservatore allo stesso titolo in cui lo è l’attore che osserva. In ambedue i casi la mancanza d’una teoria locale del soggetto, che in ragione della sua localizzazione socioculturale conviene specificare come attore, porta l’analisi sociologica a ignorare questa doppia mediazione cognitiva, ed a ricadere quindi sui sistemi oggetto come datità autonomamente costituite – illusione tipica del realismo ingenuo, benché talora avvolta in panni idealistici.

5In altre sociologie nazionali, e nella stessa sociologia italiana del periodo classico, un tratto di strada in direzione d’una teoria dell’attore venne compiuto decenni addietro sotto forma di teoria dell’azione. Il tratto più significativo è stato forse quello percorso da Talcott Parsons. Negli anni ’30 Parsons analizzò la teoria dell’azione sociale elaborata da Durkheim, Marx, Pareto e Weber, individuando in esse tendenze convergenti che puntavano al superamento dei limiti delle tradizioni positivistica e idealistica, a favore dello sviluppo d’una teoria volontaristica. Negli anni ’40, approfondito lo studio dell’opera di Freud, egli sviluppò in modo originale tale sintesi in due opere pubblicate all’inizio del decennio successivo, The Social System e Toward a General Theory of Action, avvalendosi in quest’ultima della collaborazione di Edward Shils e di altri.

6Tali opere pongono nitidamente in luce i limiti d’una qualsiasi teoria dell’azione, e la superiorità intrinseca, ai fini propri dell’analisi sociologica, d’una teoria dell’attore. Una teoria dell’azione, salvo sia strettamente integrata con una teoria dell’attore – meta cui appunto mirava la sintesi parsonsiana – è infatti inevitabilmente costretta, a causa della sua logica interna, a rimanere nei confini d’una teoria di campo, cioè una teoria valida solamente entro domini locali. Essa è atta a rispondere a interrogativi tipo «qual è stata l’influenza dell’appartenenza di classe sul tal comportamento politico?», ma non a interrogativi tipo «come agirà nella sfera politica, economica, familiare, culturale, l’individuo x, o gli individui xyz, in presenza d’una situazione S, al momento M?».

7In altre parole, una teoria dell’azione risulta in genere vincolata all’ambito delle spiegazioni a posteriori degli eventi osservati, poiché uno dei caratteri essenziali dell’azione umana consiste nel decidere caso per caso qual è il referente verso il quale si orienterà l’azione; ma per comprendere simile processo di decisione è necessaria una teoria globale del soggetto agente, ovvero dell’attore. Le smentite, le sorprese alle quali sembra perennemente esposta la spiegazione sociologica sono dovute in notevole misura al non uso d’una teoria dell’attore. Da ciò deriva infatti la scotomizzazione della realtà in campi non comunicanti, mentre barriere analoghe non esistono per l’attore reale. Solo la varietà può sopprimere la varietà, dice Ashby; la varietà dell’attore è semplicemente di gran lunga superiore a quella di qualsiasi teoria dell’azione sino ad oggi escogitata, e, a maggior ragione, di qualsiasi spiegazione del comportamento fondata su analisi statistiche post factum.

8La sociologia italiana cresciuta dopo il 1945-50 ha mostrato scarso interesse per simili problemi. Non solo non esistono virtualmente lavori centrati specificamente sulla teoria dell’attore, ma anche i campi da considerare per qualche verso contigui o complementari, quali la teoria del comportamento sociale, l’accennata teoria dell’azione, o la teoria della personalità sono stati, con rare eccezioni, affatto negletti. Una verifica condotta sulla Bibliografia della sociologia italiana, 1945-1970 di Mario Viterbi, introdotta da un saggio di Filippo Barbano, permette di localizzare non più d’un paio di titoli attinenti ai temi sopra menzionati: un libro di Franco Leonardi, Introduzione allo studio del comportamento sociale (1957), e un articolo di Franco Crespi su L’analisi dell’azione sociale in Vilfredo Pareto (1963). La collezione più che trentennale dei «Quaderni di Sociologia» (1951-1982) reca, salvo errore, un unico articolo pertinente a questa discussione, L’analisi sociologica della personalità autoritaria di Vincenzo Tomeo (1965).

9Nessuno dei temi indicati sopra compare invece come oggetto d’una sezione o d’un saggio nelle principali opere collettanee prodotte finora dai sociologi italiani. Ci riferiamo alla Antologia di Scienze Sociali curata da Angelo Pagani (1960 e 1963); a Questioni di Sociologia (1966), a cura di Francesco Alberoni, la prima e tuttora la più ampia delle antologie composte interamente da scritti di studiosi italiani; ed a Nuove questioni di Sociologia, a cura di Sabino Acquaviva, Francesco Alberoni, Achille Ardigò e Filippo Barbano (1976). Una rassegna dettagliata della letteratura sociologica più recente potrebbe forse permettere di rinvenire qualche altro titolo, ma non autorizzerebbe ad evitare la conclusione che la teoria dell’attore, e in subordine la teoria dell’azione e del comportamento, sono da annoverare tra i settori meno sviluppati della sociologia italiana.

 

102. Alle origini del disinteresse della sociologia italiana del secondo dopoguerra per la teoria dell’attore vi sono fattori culturali largamente estrinseci. In Italia come altrove, lo sviluppo della sociologia è stato orientato in profondità dal contesto delle idee filosofiche e politiche dell’epoca. Tra gli anni ’50 e gli anni ’70, tale contesto era permeato da dottrine anti-individualistiche, e grazie all’equazione teoria dell’attore uguale individualismo, esso non poteva a meno di sottrarre ogni energia intellettuale allo sviluppo di tale teoria. L’equazione citata è ovviamente scorretta, al lume d’una storia non confessionale delle idee, ma la sua presa è tuttora avvertibile. L’obiezione più frequente, che viene ancor oggi levata ai pochissimi che lavorano ad una teoria dell’attore, suona infatti che con un tale impegno essi mostrano di avere abbracciato l’una o l’altra variante dell’individualismo metodologico; cioè quell’indirizzo delle scienze sociali che intende spiegare origini e funzionamento dei sistemi sociali unicamente o prevalentemente come se fossero effetti diretti o composti, previsti o non previsti di azioni individuali.

11Far rilevare a codesti critici che esistono filosofie organicistiche le quali incorporano vigorose teorie del soggetto, mentre d’altro lato esistono importanti varianti sociologiche dell’individualismo metodologico le quali sono del tutto prive d’una teoria dell’attore – è il caso, ad esempio, della variante coltivata da Raymond Boudon – non è peraltro argomento atto a smuoverli dalla loro posizione, stante l’orientamento culturale che hanno intimamente assorbito. Per questo, il sistema è pur sempre, in qualche modo, in ultima analisi, in forza della sua capacità di sovradeterminazione, precedente all’attore; di modo che quest’ultimo, tolti alcuni comportamenti autonomi di superficie, quando non sia una replica in miniatura del sistema può e dev’essere spiegato solamente partendo da quello. E se non il sistema, sono le idee a pretendere precedenza, libero l’individuo di farle proprie o respingerle, ma certo non al punto di potersi sottrarre alla eteronomia che gli impongono i processi del tutto autonomi della ecologia della mente.

12È giocoforza chiamare in causa, a tal riguardo, varie componenti delle versioni nazionali del marxismo e dell’idealismo, di quella lor peculiare combinazione che fu il gramscismo, e del pensiero sociale cattolico che con esse si incontrò. L’intreccio di queste componenti, grazie al quale ciascuna conservava l’altra mentre la negava, ha segnato la cultura italiana dell’ultimo quarantennio, e con essa, ma con l’aggiunta di nuove specifiche caratteristiche, lo sviluppo della sociologia italiana. Insieme col primato assegnato ai sistemi sociali e culturali, esplicitamente teorizzando la subordinazione metodologica e morale del soggetto, una marcata mentalità antiscientifica, variamente articolata nelle sue diverse edizioni, ha costituito sino a tempi recenti uno dei caratteri salienti di tale plesso culturale, un comun denominatore di grande efficacia legante.

13Ora, tra tutti gli oggetti che una mentalità laica e razionale possa supporre di assoggettare a indagine scientifica, il meno accettabile per simile mentalità è ovviamente il soggetto, anche se nella veste circostanziata di attore sociale. Riflesso di forze di tanto maggiori di lui, il soggetto è per definizione imprevedibile oppure inilluminante, quanto di meno adatto per venire ridotto alle regolarità la cui ricerca la suddetta mentalità suppone essere l’essenza del ragionamento scientifico. Queste ultime possono venire legittimamente ricercate solamente a livello dei fatti sociali materialmente enumerabili, siano essi voti, qualifiche professionali o risposte a un questionario; oppure a livello del comportamento elementare, studiato in condizioni di laboratorio, secondo quanto stabilito in sintonia dalla psicologia positivistica e da quella cattolica sin dai primi decenni del Novecento. Per contro il livello intermedio, il livello che, a seconda dei riferimenti storici, filosofici e metodologici preferiti si può definire il livello della mente, della psiche o della personalità, non è – per la mentalità di cui parlo – un possibile oggetto di scienza. Ma è giusto a tale livello che andrebbe costruita una teoria dell’attore.

14Analisi statistiche dei fatti sociali, oppure psicologia sperimentale: su questa delimitazione di campi si sono esplicitamente incontrate, nell’ambito delle scienze sociali, le componenti che si diceva del pensiero marxista, della filosofia idealistica e del pensiero cattolico, di modo che il primo trentennio della nuova sociologia italiana ne è stato profondamente contrassegnato. A siffatta congiunzione va imputato un altro dei fattori che hanno precluso lo sviluppo di una teoria dell’attore tra i sociologi italiani: l’ostilità verso la psicoanalisi, e più in generale la drastica separazione tra discipline sociologiche e discipline psicologiche. Non è pensabile costruire una teoria dell’attore sociale ove non si disponga d’una teoria dinamica della psiche e, non foss’altro che in virtù della nutrita storia dei rapporti tra sociologia e psicoanalisi, quest’ultima era la candidata meglio attrezzata per svolgere tale ruolo. La teoria dell’azione di Parsons deve precisamente all’incontro con la psicoanalisi alcuni dei suoi elementi più solidi, nonché ad una operazione di sociologizzazione della psicoanalisi eccessivamente protratta alcuni dei suoi elementi più deboli.

15Nonostante tali premesse, negli anni ’50 l’idea di accostarsi alla psicoanalisi, ad onta dell’interesse per la scuola di Francoforte di cui molti, negligendone le ricerche empiriche intessute di conoscenze psicologiche, si accingevano ad abbracciare le tesi più idealistiche, era ancora vietata dall’etichetta di dottrina non confacente alla nozione di persona umana, di espressione dell’ideologia borghese, ad essa assegnata da decenni, rispettivamente dal pensiero cattolico e da quello marxista. Alla presenza di questa barriera intellettuale è dovuta l’esigua conoscenza della letteratura psicoanalitica che si riscontra in generale nella produzione dei sociologi italiani, anche quando essi trattano di temi che quasi invocano a gran voce un collegamento esplicito tra teoria sociale e psicologia del profondo; e con essa la perdita di un’altra occasione di dare corpo ad una teoria dell’attore.

 

163. Eppure l’Italia aveva avuto Vilfredo Pareto: studioso certo di statura non inferiore a Small, a Durkheim, a Spencer, se non superiore per cultura storica e formazione scientifica, e tuttavia incomparabilmente meno sfruttato di loro al fine di conferire un’identità ai successori. La sociologia italiana è forse l’unico caso, tra le sociologie nazionali, d’una disciplina del tutto immemore d’aver avuto tra i propri ascendenti un classico, e dedicata semmai a travisarne la dottrina. Nonostante l’impegno di alcuni per far conoscere il pensiero dell’autore del Trattato di Sociologia Generale (si pensi all’instancabile attività di Giovanni Busino), Pareto rimane, tra i rappresentanti di quella che non altri che Wright Mills ebbe a definire la tradizione classica della loro disciplina, di gran lunga il meno studiato dai sociologi italiani. L’ostracismo delle ideologie, insieme con l’incapacità di separare le implicazioni politiche d’una teoria sociale dalla sua apparenza, hanno invero operato, a danno di Pareto, con rara efficacia.

17In sede di storia generale della sociologia italiana sarebbe interessante stabilire quanta della sconnessa proliferazione di paradigmi e di teorie ad hoc, di metodologie elastiche e di terminologie oscillanti che la distinguono negativamente da altre sociologie, facendo di essa la più eterodipendente e la più esposta alle mode, sia da imputare all’indifferenza, quando non al rifiuto consapevole della ricerca di un’identità culturale condotta mediante un confronto con i propri classici. Ma qui parliamo di teoria dell’attore, e il richiamo a Pareto non vuole uscire da codesto ambito circoscritto. Quella di Pareto, è noto, fu una teoria dell’azione, che reca ben evidenti i limiti di questa classe di teorie. Va però rilevato che nella sua elaborazione un gran peso viene attribuito agli stati psichici, ai sentimenti, alle condizioni soggettive, specie per quanto riguarda l’origine delle azioni non-logiche, le quali costituiscono secondo Pareto la massa delle azioni umane.

18L’attore paretiano è un soggetto complesso. Le sue azioni sono effetti derivati da una sequenza ramificata di molteplici fattori, i più generali dei quali sono istinti o sentimenti; ciascuno di essi può assumere svariate manifestazioni, chiamate da Pareto residui; il ragionamento conferisce a tali manifestazioni, a seconda dei bisogni del soggetto e della situazione, veste di legittimità o razionalità o necessità, seguendo modalità predefinite che Pareto chiama derivazioni. Né la posizione dei diversi fattori nella sequenza appare meccanicamente determinata una volta per tutte, giacché un’azione derivata, indotta da un residuo, e costruita mediante una derivazione, può divenire a sua volta residuo di altri fenomeni, ed essere oggetto di altre derivazioni.

19Ove si pensi alla miriade di questionari utilizzati dai sociologi contemporanei i quali implicano in generale, per la struttura di base non meno che per la formulazione delle domande e delle risposte, che un soggetto agirà – esprimerà, ad esempio, un voto – come dichiara all’intervistatore di voler agire; che il soggetto avvicinato non solo è consapevole dei propri bisogni e sentimenti, ma è in grado di descriverli con fedeltà e attendibilità; che un dato bisogno o istinto o sentimento, o la sua rappresentazione, occupano un posto fisso e inalterabile nella struttura dell’azione, l’impostazione di Pareto risulta palesemente più avanzata di quella utilizzata al presente dalla maggioranza dei ricercatori sociali.

20Pareto non solo contribuì allo sviluppo di una teoria dell’attore, ma aprì anche la strada alla sua applicazione all’analisi dei sistemi sociali. Secondo l’analisi sociologica convenzionale, gli individui ricevono stati, caratteri, proprietà quasi esclusivamente dalla posizione che occupano in un sistema sociale. Se chi appartiene alla classe sociale A dimostra di possedere in prevalenza la proprietà X, mentre chi appartiene alla classe B possiede piuttosto la proprietà Y, l’inferenza che ne traggono la maggior parte delle ricerche sociologiche correnti è che l’appartenenza ad A determina l’insorgere di X, e l’appartenenza a B l’insorgere di Y. Ai suoi tempi, Pareto vedeva già più lontano. Egli postulava che gli individui sono caratterizzati da stati psichici autonomi, cioè non generati localmente, che in certi casi sono innati, mentre in altri sono dovuti a vicende specifiche del soggetto, oppure alla precedente partecipazione ad altri sistemi sociali. Di conseguenza, ogni sistema sociale deve essere considerato come una combinazione di numerosi e differenti stati psichici, il cui variare per cause esogene è atto a produrre effetti endogeni sul sistema che a loro volta retroagiscono sulla combinazione degli stati, modificando non gli attori, bensì la rappresentanza proporzionale dei loro tipi psichici nel sistema. Per tal via il funzionamento del sistema viene continuamente influenzato, oltre che dagli eventi che intervengono al suo livello aggregato, anche dalla combinazione di stati psichici esistenti fra gli individui che lo alimentano. Questa impostazione popolazionale dell’analisi sociologica rappresenta uno sviluppo naturale della teoria dell’attore, ma né la proposta paretiana né altre formulate più di recente nella stessa direzione hanno avuto seguiti di qualche rilievo nella sociologia italiana del trentennio 1950-1980.

 

214. Si potrebbe obiettare, alla dichiarazione d’assenza d’una teoria dell’attore nella sociologia italiana contemporanea, che seppure non nelle forme ricordate sopra, ricollegantisi al positivismo razionalista di Pareto o all’individualismo istituzionale di Parsons, il soggetto è stato comunque recuperato da una parte dei sociologi italiani in chiave fenomenologica. Con gli anni ’70 irrompono nella letteratura sociologica italiana i «mondi di vita», più spesso impropriamente tradotti con «mondi vitali». Questo concetto, è noto, risale a Husserl, ma il suo ingresso nel lessico sociologico fu dovuto principalmente ad Alfred Schutz, che ad esso dedicò il suo ultimo libro Strukturen der Lebenswelt, rimasto incompiuto al momento della sua morte nel 1959 e pubblicato solo nel 1973 a cura di Thomas Luckmann. Di fatto, gli studi di Schutz erano partiti da Weber, e però in Husserl egli riteneva di aver trovato i fondamenti epistemologici necessari per dar formulazione rigorosa alla teoria dell’azione di Weber. A più di un sociologo italiano parve allora che il concetto di mondo di vita, opportunamente sociologizzato da Schutz, fornisse finalmente un contrappeso adeguato da opporre all’incombenza, infine giudicata eccessiva, del sistema rispetto al soggetto che caratterizza teorie della società tanto diverse quanto il funzionalismo e il marxismo, sino ad allora le sole alternative disponibili per chi volesse dotarsi di un collaudato impianto teoretico nel campo delle scienze sociali.

22In realtà si trattò d’un miraggio concettuale, generato dall’accostamento incongruo di due livelli di conoscenza differenti. La Lebenswelt husserliana non è il mondo privato d’un soggetto, bensì è il mondo intersoggettivo in cui l’Io e l’Altro sono parimenti immersi. È l’esperienza precategoriale e preriflessiva del mondo quotidiano che, in quanto li accomuna, consente all’Io e all’Altro di comunicare mediante lo scambio dei propri riferimenti categoriali. Certo la Lebenswelt ha una connotazione temporale e culturale, giacché è l’esperienza di un tempo e di una cultura specifici, ma tale connotazione è identica per tutti coloro che partecipano di quel tempo e di quella cultura.

23Una teoria dell’attore appartiene a un diverso livello di conoscenza. Essa è categoriale, esattamente come lo è una teoria del sistema sociale. Muove dall’intenzione, fenomenologicamente parlando, di spiegare le specificità della costituzione d’un soggetto, pur sulla base della sua appartenenza a un comune mondo precategoriale, il dato-per-ovvio. Né «mondo di vita», né «mondo vitale» possono dunque venire trasformati in sinonimi del soggetto, del privato o dell’individuale, nemmeno facendo intervenire le provincie finite di significato di Schutz. Queste ultime, infatti, si riferiscono a interi settori o sfere della società e della cultura, e non sono quindi atte a restituire al soggetto la sua irripetibile unicità di facoltà, attributi, predicati, localizzazioni, stati mentali; che è ciò che definisce lo spazio delle proprietà d’una teoria dell’attore. Quella di Schutz è una fenomenologia dell’atteggiamento naturale, della vita quotidiana, sfociante in una problematizzazione del senso comune; per tal ragione non può essere chiamata a sopperire ad una teoria dell’attore, una volta ammesso che da questa ci si attende che spieghi come mai soggetti immersi in mondi di vita comuni agiscono in modo differente, ed entrano regolarmente in conflitto.

24Un’obiezione pur essa d’origine fenomenologica, negante perfino la possibilità d’una teoria dell’attore, afferma che in quanto postula un attore-in-situazione, materialmente confinato in se stesso, tale teoria ignora il fatto fondamentale che il sistema fa parte dell’attore, non meno che questo di quello. Il confine tra attore e sistema, si afferma, è indeterminabile o inesistente: l’idea di un attore che decide, sceglie tra alternative, elabora i dati della situazione per disegnare un corso d’azione razionale come se fosse un’entità autonoma e separata dalla situazione, sarebbe un residuo positivistico che andrebbe eliminato dall’analisi sociologica. L’oggetto di questa sono le configurazioni sociali e culturali che coinvolgono e permeano gli individui nei loro stati e sentimenti più profondi, abbiano essi o meno consapevolezza di essere parti di un sistema che li trascende.

25Quando sia operativamente accolta, come è avvenuto in una parte significativa della sociologia italiana, tale impostazione condanna ad una astrazione inconcludente qualsiasi analisi sociologica, contribuendo altresì a separarla dalle altre scienze umane, le quali presuppongono che, dopotutto, sia possibile studiare un soggetto in quanto esso è confinabile. L’idea di un attore sociale non è affatto l’idea di un soggetto impermeabile alla cultura, alle norme sociali, all’influenza dei gruppi, o se si preferisce allo spirito del tempo; è l’idea di un oggetto che pur essendo costituito e modificato da innumeri fattori esogeni, oltre che da processi endogeni, è tuttavia studiabile come un soggetto che ha una propria organizzazione autocentrata, autopreservantesi e autoriproducentesi, assolutamente non riducibile a quella dei sistemi di cui costituisce a sua volta un elemento. Che il mondo delle idee, delle persone e delle cose sia rappresentato nel cervello/mente, sino a costituire un elemento integrante del suo funzionamento, non esclude, ma anzi impone, lo studio delle particolari modalità che il cervello ha sviluppato per rappresentarli. Una teoria dell’attore è inscindibile da questo tipo di analisi, che rimanda ad una stretta interazione tra diverse scienze umane.

 

265. Qualsiasi affermazione che istituisca una relazione causale o teleologica o di interdipendenza tra fenomeni sociali implica un modello dell’attore, o, in termini più convenzionali, una immagine dell’uomo. Se formulo l’ipotesi che i tecnici dell’azienda A fanno registrare un maggior tasso di partecipazione sindacale, rispetto a quelli dell’azienda B, perché nell’azienda A le loro speranze di mobilità ascendente sono minori che nell’azienda B, con ciò stesso io implico un attore che attribuisce un valore elevato alla mobilità sociale, e quando questa sia scarsa preferisce, in luogo di dimettersi, o tentare soluzioni individuali, o emigrare, dedicare maggiori risorse personali all’impegno sindacale. Nessuna analisi dei dati della situazione, delle pressioni sociali o degli incentivi o delle norme a cui il soggetto è sottoposto può rispondere di per sé alla domanda perché l’attore è sensibile a quelle determinate pressioni, incentivi e norme, e non ad altre. Le proprietà manifestate dall’attore sono in ogni caso non più di alcune tra molte altre possibili, e soltanto un modello adeguato dell’attore può dire perché quelle e non altre proprietà si manifestano. Una delle funzioni principali di una teoria dell’attore e dei modelli che si può derivarne consiste appunto nel vietare possibilità di comportamento, cioè nel ridurre significativamente la probabilità che in certe condizioni un individuo agisca in determinati modi. Senza tale riduzione preventiva ogni comportamento appare ugualmente possibile; ma in tal caso il linguaggio scientifico non si distingue dal senso comune, che in qualsiasi circostanza è in grado di spiegare in modo affatto plausibile, e però unicamente a posteriori, perché il tale individuo o gruppo agì come ebbe ad agire.

27Il mancato sviluppo d’una teoria dell’attore nella sociologia italiana comporta che quando essa formula direttamente, o indirettamente implica affermazioni a carico di soggetti individuali o di gruppi, troppo di frequente esse appaiono ovvie, ad onta di paludamenti gergali più o meno ornati. Anni fa, a chi levava quest’accusa alle scienze sociali in generale, Parsons ribatteva che ciò che distingue il ragionamento scientifico dal senso comune è che il primo sa dire in anticipo qual è, tra tante risposte ovvie, la più probabile, mentre il secondo esercita la propria facoltà esplicativa solamente una volta che l’evento è accaduto. È ovvio che un tecnico accresca il proprio impegno sindacale quando veda frustrate le sue speranze di mobilità, ma il ragionamento sociologico dovrebbe essere in grado di prevedere che questa e non altra sarà la risposta ovvia dei soggetti osservati, anziché limitarsi, come fa in ultimo il senso comune, a stabilire una relazione tra le due variabili ad evento accaduto.

28Se, come sembra, l’incapacità di prevedere il decorrere di eventi e processi ha alle sue radici, tra altre cause, anche l’assenza d’una teoria dell’attore, questa dovrebbe forse avere qualcosa a fare pure con quello che si delinea, ormai da qualche lustro, come il maggiore insuccesso teorico e politico della sociologia italiana: la spiegazione della mancata o patologica modernizzazione sociale e culturale del nostro paese. La società italiana contemporanea è uno straordinario miscuglio di formazioni sociali moderne e premoderne, di razionalità capitalistica avanzata e di cultura antindustriale, di universalismo burocratico e di particolarismi clientelari e familistici, di leggi avanzatissime e di illegalità diffusa, di neghittosità spagnolesca e di dedizioni calvinistiche di fronte al lavoro. Nessuna delle teorie classiche della modernizzazione è atta a spiegare questa combinazione unica di formazioni sociali differenti, di sistemi sociali, culture e personalità schizoidi, e tuttavia più che mai idonee, all’evidenza, a sopravvivere e a riprodursi.

29Dinanzi ad un fenomeno di tale interesse scientifico e pratico, politico e morale, gran parte della sociologia italiana ha prodotto analisi a dir poco inadeguate. Nel mentre i sociologi studiavano la loro società come un caso tradizionale di modernizzazione, procedente attraverso una serie canonica di stadi di sviluppo, fosse desunta da Weber o da Parsons, da Marx o da Rostow, la tradizione nei suoi aspetti peggiori corrompeva la modernità in tutte le sfere dell’organizzazione sociale, con manifestazioni clamorose – ma, a desumere dagli effetti, non per i sociologi – nell’amministrazione pubblica e nei partiti, nelle grandi aziende e nella scuola, negli enti locali e nelle forze armate.

30D’altra parte si può sostenere che la sociologia italiana difficilmente avrebbe potuto elaborare analisi più valide e tempestive, non emarginate di continuo dagli eventi, proprio perché non disponeva di una teoria dell’attore. Una teoria dell’attore è un elemento insostituibile nell’analisi della riproduzione socioculturale e biopsichica, posto che sistemi e culture si mantengono, si riproducono e si intrecciano anche riproducendo personalità, sistemi psichici, ad essi congruenti, o tentando inesauribilmente di farlo. Ove non si disponga di strumenti per comprendere come l’attore si costituisce; in qual modo i sistemi sociali sono in lui rappresentati; quali effetti hanno su di lui l’intreccio e il conflitto di posizioni sociali, ovvero l’appartenenza e la pendolarità tra formazioni sociali differenti; per quali motivi decide di partecipare o di defezionare dall’uno o dall’altro sistema, allora l’evoluzione e l’involuzione dei sistemi sociali e culturali sono destinate a rimanere in eterno oggetti non assoggettabili a conoscenza, ma suscettibili unicamente di descrizioni senza fine, una sequenza di eventi infinitamente imprevedibili; come se la società, o Dio con essa, giocasse perennemente ai dadi. Ma in questo caso i sociologi non servirebbero. Sarebbe sufficiente, per conservare memoria degli eventi, qualcuno che registrasse fedelmente le giocate.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Luciano Gallino, « Il mancato sviluppo di una teoria dell’attore nella sociologia italiana (1985) », Quaderni di Sociologia, 70-71 | 2016, 209-219.

Notizia bibliografica digitale

Luciano Gallino, « Il mancato sviluppo di una teoria dell’attore nella sociologia italiana (1985) », Quaderni di Sociologia [Online], 70-71 | 2016, online dal 01 novembre 2016, consultato il 20 ottobre 2017. URL : http://qds.revues.org/790 ; DOI : 10.4000/qds.790

Torna su

Autore

Luciano Gallino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org